Trovare subito nuove risorse per i buoni spesa

Si sta avviando a conclusione la distribuzione dei buoni spesa che i volontari del Terzo Settore hanno portato avanti i rispondendo alla richiesta di aiuto dell’amministrazione comunale. Centinaia di persone hanno offerto il loro tempo per aiutare i loro concittadini genovesi in difficoltà: sono rimaste al telefono per ore, anche la sera tardi, si sono rese disponibili per i turni di consegna presso gli spazi pubblici allestiti dal Comune.
Abbiamo risposto a circa ventimila telefonate; martedì (l’ultimo giorno di distribuzione per Sampierdarena che sarà l’ultimo punto di consegna a chiudere ) avremo distribuito ventimila buoni a poco meno di diecimila persone.

Abbiamo aperto una finestra su un mondo che già conoscevamo, quello delle persone in stato di povertà. L’irrompere dell’epidemia ha coinvolto molte altre persone: tante hanno fatto fatica a chiedere, molte hanno coniugato le richieste telefoniche dei buoni a una domanda di ascolto. Ne è emerso un quadro importante che richiede di essere valutato.
Finita questa fase, chiediamo con forza a tutte le istituzioni (a partire dalla Regione e dal Comune di Genova), a nome dei cittadini che ne hanno bisogno e dei volontari che hanno lavorato in questi giorni, di trovare nuove risorse. Chi ha chiesto i buoni lo ha fatto spinto dal bisogno e tutti meritano una risposta subito.
Chiediamo anche con urgenza che venga approntata una misura di sostegno per chi versa in condizioni di povertà estrema, che non ha potuto beneficiare dei buoni spesa.
Chiediamo inoltre che questa occasione, in cui pubblico e privato sociale hanno saputo collaborare con rapidità ed efficacia per fare emergere e dare risposta ai bisogni dei cittadini, apra uno spazio di confronto permanente sulla lettura dei nuovi bisogni che derivano da questa crisi e sulle modalità più efficaci di intervento congiunto,per mettere a sistema i diversi progetti e più in generale gli enti che sono attivi nel sostegno alle famiglie più fragili. Ricordiamo inoltre che, oltre al problema alimentare, va urgente mente affrontato il problema delle utenze e degli affitti.

Forum Genovese del Terzo Settore

I commenti sono chiusi.