Genova libera, democratica e antifascista: migliaia di persone alla manifestazione

Migliaia di persone alla manifestazione indetta dalla Camera del Lavoro di Genova  Anpi, Arci, Comunità di San Benedetto al Porto, Genova Antifascista e altre associazioni democratiche ed antifasciste che Sabato 30 giugno hanno  voluto ricordare gli avvenimenti del giugno-luglio 1960 . La mobilitazione popolare di Genova contro il Congresso del Msi che si doveva tenere in città e gli eventi successivi a partire dalla proclamazione dello sciopero generale indetto dalla sola Cgil, i morti di Licata, Reggio Emilia, Palermo e Catania, le cariche della polizia a Roma, la straordinaria partecipazione delle nuove generazioni alle mobilitazioni antifasciste culminate nella caduta del governo Tambroni saranno al centro di una giornata che non sarà finalizzata solo al ricordo e alla celebrazione.«I recenti fatti avvenuti nella nostra città e più in generale il clima di tensione del Paese con una parte della politica che incita all’odio, alla rinuncia ad ogni forma di solidarietà sociale e che trova nell’esaltazione dell’individuo solo al comando la nuova frontiera del populismo, sono solo alcuni degli aspetti che ci convincono ad andare oltre la celebrazione nel tentativo di trasmettere una memoria storica che non appartiene al passato e che non può essere strumentalizzata a seconda della convenienza» hanno detto gli organizzatori.

 

I commenti sono chiusi.