Featured

14 Mag 2018

CONSULTORI BENE COMUNE!

LUNEDì 14 MAGGIO 2018 | ORE 1O | PIAZZA DANTE

Lunedì alzeremo le nostre voci perché questo grido arrivi forte e chiaro alle loro finestre! La Regione Liguria ha in programma un declassamento dei consultori da struttura complessa a struttura semplice, trasformandoli in servizi dove le diverse attività avranno una differente dirigenza tra ospedale, salute mentale e struttura di igiene e sanità pubblica. Questo porterà inevitabilmente alla perdita di un patrimonio comune fondato sulla multidiscipinarietà e l’integrazione. Come donne, utenti, operatrici/tori, mediche e medici, docenti, madri, figlie e nonne ci stiamo mobilitando per far conoscere a tutta la cittadinanza il grave attacco al servizio pubblico e al bene comune e per impedire alla Regione di portare a termine il suo progetto.
Perché per noi è importante:
Perché al consultorio si accede liberamente e gratis: questo fa di esso un luogo unico e distinto dagli altri presidi sanitari.
Perché nel consultorio è possibile incontrare operatrici e operatori che offrono informazione, ascolto e accoglienza.
Perché i consultori sono distribuiti sul territorio, dal centro alle periferie.
Perché il consultorio è nostro, perché il consultorio siamo noi ed insieme lo e ci difenderemo!


27 Apr 2018

Più Arci, più tutto

 

 

È sulla rampa di lancio la campagna 2018 dell’Arci per la raccolta del 5xMILLE per non fare mancare a soci, attivisti, simpatizzanti e ai tanti cittadini che guardano ad Arci con fiducia ed interesse una concreta occasione per sostenerla, attraverso una semplice scelta di sussidiarietà fiscale che non costa nulla a chi dona.

 


26 Apr 2018

L’Università di Strada dell’Arci pronta per l’anno accademico 2018/19

Anche se il 2018 è l’anno europeo del ‘Patrimonio Culturale’, materiale e immateriale, non sono tempi facili per chi cerca di promuovere conoscenza e cultura. Pensavamo che il web avrebbe aiutato a far crescere capacità critica e crescita culturale delle persone. Di sicuro la rete consente l’accesso a molti dati e a tante informazioni (non tutte vere) ma certo non sembra abbia avuto l’effetto sperato sulla coscienza civica di molti nostri concittadini. Purtroppo anche gran parte della stampa e della televisione offrono una conoscenza superficiale della realtà con conseguenze pessime sulla costruzione dell’immaginario collettivo.


25 Apr 2018

Graduatoria Bando: La vocazione agricola di Genova

Sono disponibili gli esiti PROVVISORI delle selezioni effettuate per i progetti di Arci Servizio Civile inseriti nel Bando per la selezione di 489 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nell’ambito delle finalità istituzionali individuate da Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.
Gli esiti sono provvisori in attesa delle verifiche a cura del Dipartimento Gioventù e SCN previste dagli articoli 5 e 6 del bando. Per visionare le graduatorie andare sul sito : https://www.arciserviziocivile.it/


21 Apr 2018

Presidio per dire NO alla proroga dell’entrata in vigore della legge sulle slot 26 aprile

Il 26 aprile alle 9.30 presidio sotto il consiglio regionale in Via Fieschi contro la decisione della Regione di prorogare ulteriormente l’entrata in vigore della legge sulle slot. Vi invitiamo a diffondere la cosa tra i vostri soci e se disponibili a partecipare.


16 Apr 2018

Concluso il VII Congresso di ARCI Genova

Con l’elezione del Presidente Stefano Kovac e del Coordinatore Davide Traverso, oltre alla nuova Direzione Provinciale e ai delegati per i congressi regionale e nazionale, si è concluso il VII Congresso dell’ARCI di Genova.
La sala del Circolo Autorità Portuale piena e la qualità degli interventi dei nostri delegati fanno ben sperare per il mandato che ci apprestiamo a cominciare insieme. A breve trasmetteremo i documenti approvati e il verbale del Congresso. Grazie a tutti per la partecipazione!


15 Apr 2018

Cinema Resistente per la Festa della Liberazione

L’italia che non si vede ma RESISTE!

Arci Genova, Circolo ARCI Barabini Di Trasta, Circolo Arci Perugina, ARCI Società sportiva La Ciclistica e Anpi San Martino Campasso in collaborazione con UCCA organizzano la proiezione di tre pellicole resistenti dalla rassegna “L’Italia che non si vede”.
Tre pellicole trascurate dalla distribuzione commerciale, di giovani cineasti che con coraggio affrontano temi rimossi o banalizzati dalla cultura mainstream.
Un cinema che si oppone allo sdoganamento mediatico di razzismo e intolleranza con l’esempio dell’attivismo solitario di una donna comune, e perciò straordinaria (“The Hate Destroyer”). Opere invece, che si confrontano con la Storia offrendone sguardi inediti. Come l’analisi del ruolo delle donne nella Resistenza italiana, che enfatizza la prima vera esperienza di emancipazione femminile, ma non nasconde una riflessione amara sulla delusione provocata dalla “restaurazione” del primo dopoguerra (“Libere”). O il divertito racconto del più clamoroso attentato mai immaginato, quello contro Hitler e Mussolini, che un celebre archeologo architettò ma non ebbe il coraggio di compiere durante il celebre viaggio del Führer in Italia nel 1938 (“L’uomo che non cambiò la Storia”).

 


9 Apr 2018

VII Congresso di ARCI Genova


Il 14 aprile presso il Circolo Cap in via Albertazzi 3r si terrà il VII Congresso dell’ Arci di Genova. 
All’interno trovate il programma e i documenti utili in vista delle assemblea congressuale


28 Mar 2018

L’Arci sta dalla parte di Enrico Zucca, che è quella delle vittime di tortura 

di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci

È sempre stata una consuetudine, per i difensori dei diritti umani nel sud del mondo, appellarsi ai paesi democratici e alle istituzioni europee per chiedere aiuto e sostegno. Non passa giorno senza che ci arrivi una richiesta all’Italia e alle istituzioni europee perché facciano pressione su altri paesi per il rispetto del diritto internazionale e umanitario. È parte del nostro lavoro.


22 Mar 2018

Un appello a sostegno del pm Enrico Zucca

Alla Diaz, così come a Bolzaneto, fu tortura. L’ha sentenziato la Corte europea dei diritti dell’uomo, più volte. La ‘colpa’ del sostituto procuratore generale presso la Corte di appello di Genova è di ricordare che le prescrizioni della Corte di Strasburgo sono state disattese.

Da tempo ci occupiamo a vario titolo della tortura praticata in Italia e delle risposte offerte dallo Stato e perciò crediamo che Enrico Zucca, nel suo intervento di ieri a un convegno a Genova, abbia espresso una verità che ci trova pienamente concordi. La risposta delle istituzioni alle torture compiute su decine e decine di persone nelle giornate del G8 di Genova del 2001 è stata gravemente inadeguata e ha tradito largamente lo spirito e la lettera delle sentenze di condanna contro l’Italia inflitte dalla Corte europea per i diritti umani per i casi Diaz e Bolzaneto.

Sono state disattese sia le indicazioni sulle misure necessarie a prevenire nuovi abusi (vedi la contorta e inapplicabile legge dell’estate scorsa e la mancata introduzione dei codici di riconoscimento sulle divise), sia le prescrizioni circa la necessaria rimozione dei funzionari condannati in via definitiva (abbiamo invece avuto protezioni, promozioni, inopinati ritorni al vertice). Solo rispettando simili indicazioni è possibile tutelare la dignità e credibilità delle forze di polizia, sia sul piano interno sia su quello internazionale. Enrico Zucca ha detto una semplice quanto sacrosanta verità, che sottoscriviamo.

L’appello è stato sottoscritto anche dalla presidente dell’Arci Francesca Chiavacci. L’elenco dei firmatari è su https://altreconomia.it/appello-zucca/

Per aderire appellozucca@altreconomia.it


-->