Featured

13 Dic 2017

Sandro Joyeux a Genova #WithRefugees per Sampierdarena solidale

 

 

Iniziativa promossa da ARCI Genova. Venerdi 15 dicembre 2017 presso Music For Peace Creativi della notte, Via Balleydier 60 (area elicoidale zona San Benigno), Genova.
Il programma prevede: alle ore 19.30 aperitivo, alle 20.30 presentazione della Mappa della Sampierdarena solidale e inizio concerto alle ore 21.00. Ingresso libero.


17 Nov 2017

Sospendere subito l’inumano accordo con la Libia

 

In questi giorni gli effetti dell’accordo del nostro governo con la Libia si sono materializzati davanti agli occhi di tutto il mondo. Prima i 50 morti provocati dalla  guardia costiera libica che cerca di impedire alla nave di Sea Watch di prestare soccorso.  Poi la denuncia del Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite che accusa Italia e UE di essere corresponsabili dei crimini commessi nei lager libici. E ancora, le terribili immagini dei migranti venduti come schiavi, probabilmente dalle stesse milizie con cui ha trattato il governo. Da ultimo, la denuncia alla Corte Internazionale dell’Aja per crimini contro l’umanità del generale Khalifa Haftar, uno degli autorevoli interlocutori del ministro Minniti. Un quadro terribile, che conferma la sistematica violazione dei diritti umani nel paese che l’Italia ha rifornito di armamenti e soldi per fermare i flussi migratori. Salvare i migranti da quell’inferno è ormai un imperativo.


11 Nov 2017

La SOMS “La Fratellanza” festeggia i suoi 145 anni

Il 1872 è l’anno di fondazione della Società di Mutuo Soccorso La Fratellanza di Pontedecimo. Nell’alta Valpolcevera, con al centro Pontedecimo. I lavoratori di alcuni pastifici artigianali, futuri stabilimenti industriali, si resero conto della necessità di avere un’assistenza garantita in caso di malattia o altre calamità. Per questo diedero vita a quella mutualità, così essenziale nei decenni a venire, creando come altri nello stesso periodo una Società di Mutuo Soccorso. E di soccorso vi era veramente bisogno in quell’epoca così difficile, paragonata a quella dei nostri giorni. Masse di lavoratori analfabeti o quasi, che agivano con una carica morale veramente invidiabile, soprattutto ai nostri giorni. Questi lavoratori, dopo una lunga e faticosa giornata lavorativa, trovarono la forza e la costanza di edificare, pietra su pietra, l’attuale sede, che venne poi gradatamente trasformata per soddisfare le esigenze che i tempi richiedevano. Al pensiero e alla dottrina di Mazzini si ispirarono i soci fondatori, operando anche nella scelta della denominazione sociale richiamandosi al Patto di Fratellanza, concepito e costantemente perseguito dal padre spirituale del Risorgimento Italiano.

Il programma delle iniziative per festeggiare i 145 anni:


3 Nov 2017

Più cultura=meno paura

Arci sta per associazione culturale. Portiamo nel nostro acronimo attraverso quell’aggettivo non solo uno dei nostri tratti identitari più importanti, ma quella che oggi rappresenta una missione fondamentale per la costruzione di un mondo e di un’Italia migliore. È sulla conoscenza e la cultura che si fonda la propria percezione di sicurezza, di una visione del futuro, dell’idea di apertura invece che della chiusura, del dialogo anziché dell’odio, della curiosità anziché del sospetto, di  relazioni sane e paritarie con l’altro sesso, anziché fondate su forza e violenza. È davvero inquietante quello che accade in alcune curve degli stadi italiani con comportamenti e pratiche antisemite, contro cui occorrerebbero iniziative di contrasto  decisamente più forti.

 


14 Ott 2017

Genova Accogliente e Solidale

 

A seguito degli eventi di Multedo che hanno visto manifestazioni e blocchi stradali contro l’apertura di un centro di accoglienza,  si sta costituendo il Comitato Genova Solidale promosso dalle associazioni democratiche e dal sindacato. Abbiamo ritenuto indispensabile aderire come comitato territoriale e vi invitiamo a partecipare alla prima assemblea che si terrà
Giovedi 19 a Sestri Ponente al Teatro Verdi (Piazza Oriani) alle ore 17


13 Ott 2017

Pullman da Genova a Roma il 21 Ottobre contro il razzismo, per la giustizia e l’uguaglianza

 

 

Il 21 ottobre ci sarà a Roma una manifestazione nazionale contro il razzismo, per la giustizia e l’uguaglianza, a cui hanno aderito decine di ong, organizzazioni sociali, politiche, sindacali, studentesche, culturali. L’appuntamento è alle 14.30 a Piazza della Repubblica, per un corteo che si concluderà a Piazza Vittorio.

Organizzeremo dei pullman per la partecipazione (info presso sede ARCI Genova Tel 010/2467506)


29 Set 2017

Il 30 settembre manifestazione contro la violenza sulle donne

 

 

Appuntamento a Genova  in Piazza San Lorenzo alle ore 17

Nei tre giorni che chiudono questo mese di settembre (a cui arriviamo mentre si susseguono quasi senza sosta notizie di crimini e violenze contro tante donne) ci mobiliteremo in tutta l’Italia perchè le donne possano essere più libere.Mai come oggi c’è bisogno di far sentire la nostra forza e la nostra voce. Le numerose leggi ingiuste ancora presenti in Europa e nel mondo, il massacro quotidiano, insieme alla continua violenza perpetrata sui corpi delle donne, rivelano quanto la libertà femminile faccia ancora tanta paura.


28 Set 2017

Tesseramento ARCI 2017-2018

Ricordiamo a tutti i Circoli   che il 30 Settembre 2017  scade la validità delle tessere e delle affiliazioni 2016/2017.
Per procedere al rinnovo visti i tempi molto ridotti a disposizione vi preghiamo di telefonare in segreteria allo 010 2467506 per prendere appuntamento.

Giustizia ed eguaglianza contro il razzismo. Il 21 ottobre tutte/i a Roma

 

17424907_1326959084020385_7177283896955405255_n.jpg

In un momento difficile della storia del paese e del pianeta intero, dobbiamo decidere fra due modelli di società. Quello includente, con le sue contraddizioni, e quello che si chiude dentro ai privilegi di pochi. Sembriamo condannati a vivere in una società basata su una solitudine incattivita e rancorosa, in cui prendersela con chi vive nelle nostre stesse condizioni, se non peggiori, prevale sulla necessità di opporsi a chi di tale infelicità è causa. Una società che pretende di spazzare via i soggetti più fragili a partire da chi ha la “colpa” di provenire da un altro paese, rievocando un nazionalismo regressivo ed erigendo muri culturali, normativi e materiali.

 


Il ministro Alfano affonda lo ius soli

“Non è il momento adatto”. Per il ministro Alfano approvare o meno la riforma della cittadinanza è legato unicamente a opportunistici calcoli elettorali, più chiaramente di così non poteva dirlo.  Ci sono le elezioni siciliane alle porte e fra qualche mese le politiche: rischiare di perdere voti a destra il partitino di Alfano non se lo può permettere e quindi chi se ne importa se sono quasi un milione i bambini e ragazzi di origine straniera che da anni aspettano questa legge per diventare italiani di diritto e non sentirsi più ospiti in quello che ormai è il loro Paese.