Il 30 settembre manifestazione contro la violenza sulle donne

 

 

Appuntamento a Genova  in Piazza San Lorenzo alle ore 17

Nei tre giorni che chiudono questo mese di settembre (a cui arriviamo mentre si susseguono quasi senza sosta notizie di crimini e violenze contro tante donne) ci mobiliteremo in tutta l’Italia perchè le donne possano essere più libere.Mai come oggi c’è bisogno di far sentire la nostra forza e la nostra voce. Le numerose leggi ingiuste ancora presenti in Europa e nel mondo, il massacro quotidiano, insieme alla continua violenza perpetrata sui corpi delle donne, rivelano quanto la libertà femminile faccia ancora tanta paura.

 

Per questo parteciperemo alle  due giornate di mobilitazione indette da cartelli diversi (ben vengano più voci possibili, ben venga la pluralità, l’importante è non imparare dagli uomini alcuni brutti difetti della politica, come la competizione). La prima è quella di oggi, giovedì 28 novembre, proclamata Giornata mondiale per l’aborto sicuro.

L’aborto rischia di essere un diritto negato anche in molti paesi europei, con l’avvento al governo di forze politiche reazionarie e retrograde. Sappiamo che il diritto di aborto, anche quando è legale, può essere messo in discussione dall’obiezione di coscienza dei medici, così come avviene nel nostro paese, dove 7 medici su 10 si dichiarano obiettori. E come scrive il documento di Non una di menoci impediscono di scegliere quando, come e se diventare madri. Per questo parteciperemo in tante città alle mobilitazioni organizzate da Non una di meno (flash mob, presidi, manifestazioni) che ha rilanciato in Italia la mobilitazione europea. Sabato 30, invece, si svolgeranno altri momenti di mobilitazione sotto lo slogan Riprendiamoci la libertà, in tante piazze d’Italia. Ho raccolto l’invito di Susanna Camusso, segretaria della Cgil, a sottoscrivere l’appello contro la violenza alle donne, Avete tolto senso alle parole, insieme a tante altre donne della cultura e della politica. Su questo appello si legge: «Avete tolto senso alle parole quando trasformate la violenza contro le donne in un conflitto etnico, razziale, religioso. Avete tolto senso alle parole quando difendete il vostro essere uomini, senza pensare all’ulteriore violenza che infliggete: donne nuovamente vittime, oggetto dei vostri conflitti di supremazia. E vogliamo reagire con la forza delle donne all’insopportabile oppressione del giudizio su come ci vestiamo o ci divertiamo».

 

È sul corpo, sulla libertà, sulla dignità delle donne che si determina il grado di civilizzazione dell’umanità. Dobbiamo esserne convinte e convinti. Vogliamo convincere che è così anche la politica, i nostri compagni, la nostra associazione.

La violenza, il dominio, la strumentalizzazione contro le donne che dilagano sono il segno più evidente del tempo pieno di odio, di pericoli, di paure di in cui viviamo. Una società in cui possano vivere meglio le donne è una società in cui potremo vivere sicuramente meglio tutti. E insieme anche a tanti uomini e ragazzi convinti di questo, dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per fermare l’arretramento culturale, civile e democratico delle nostre società, dobbiamo far capire quanto il tema della libertà delle donne sia centrale, fondamentale.

E lo dobbiamo fare anche mettendolo al centro delle attività della nostra associazione, che è riuscita, dopo sessant’anni, ad eleggere una donna come Presidente, facendo un grande passo.

Che ha tantissime dirigenti donne nei territori, che diminuiscono però salendo la scala delle responsabilità (anche noi abbiamo ancora dei ‘soffitti di cristallo’ da infrangere).

L’Arci che vogliamo, quella che prova a combattere contro l’offensiva culturale in atto, che propone un’idea diversa di società a partire dalle proprie attività, deve essere presente (e sono presenti le tante socie e le tante compagne che in questo fine settimana saranno nelle piazze) in questa strada di conquista di libertà che le donne stanno percorrendo con tenacia e con fatica.

Perché, come hanno scritto sul loro striscione le donne fiorentine dopo lo stupro di due ragazze da parte di due carabinieri «Le strade sono libere quando le donne le attraversano».

 

di Francesca Chiavacci,

presidente nazionale Arci

I commenti sono chiusi.