La città e i giovani

16684240_10210203708480527_8792887633137433996_nSabato 11 Febbraio c’è stata un’altra manifestazione oltre a quella antifascista a Sturla. Ragazze e ragazzi (centinaia) hanno attraversato il centro storico dietro ad un furgone che diffondeva musica la manifestazione era organizzata dal nostro circolo Quaalude RockClub e da alcuni collettivi (che dobbiamo ringraziare).
Hanno cantato, ballato marciato per chiedere che l’ordinanza “anti movida” venisse modificata, che il centro storico non fosse lasciato morire.
Alcuni di loro portavano i bidoni della differenziata in modo che non restasse traccia del loro passaggio. Alle 23 hanno finito la manifestazione e si sono ritrovati al Quaalude per chiudere la serata.
Sfortunatamente la manifestazione non ha avuto l’attenzione che avrebbe meritato.
Voglio rivolgermi ai giornalisti, ai politici, agli amministratori ai commentatori ; avrei voluto che qualcuno ci fosse a vedere questi ragazzi che erano lontani mille miglia dagli stereotipi che molti profondono a piene mani.
Molti di loro li avevo incontrati a Sturla al mattino molti di loro erano lontani da una politica che non li considera, tutti loro avevano voglia di divertirsi e di ballare.
Nessun consigliere comunale (tranne Marianna Pederzolli) nessun politico (tranne alcuni militanti 5 stelle e di rete a sinistra)
Lo dico con sofferenza ma dei giovani sembra non freghi nulla a nessuno paradossalmente neanche del loro voto.
Non pare che qualcuno si interessi del loro futuro che è il futuro della nostra città, nessuno chiede loro un opinione , nessuno li considera e loro alla fine se ne vanno.
Ci ripagano ignorando una società degli adulti che si ritiene, a torto, più saggia e più titolata a decidere.
Ho due figli per entrambi l’orizzonte è la fuga; entrambi pianificano il loro futuro lontano da qui.
Fa male, è triste ma non posso dargli torto.
Signori e signore magari invece di sparare giudizi e gavettoni magari ogni tanto scendiamo dal piedistallo e proviamo ad interagire ad ascoltare, sforziamoci di capire sono sicuro che non ci puo’ succedere nulla di male.

I commenti sono chiusi.